ATTENZIONE! La tua versione di Microsoft Internet Explorer è obsoleta.. e ti fa vedere tutti i siti moderni sfalsati. Aggiornala adesso cliccando qui!

SESSUOLOGO

Quanto conta il sesso nella tua vita... e quanto incide sulla qualità della stessa?


Molte volte i disturbi legati alla sessualità provocano imbarazzo, motivo per cui non vengono affrontati... eppure nella maggior parte dei casi si tratta di problematiche di poco conto, semplicemente risolvibili, che migliorerebbero enormemente la qualità della vita. Chi è che si occupa dei disturbi della sessualità? ...il Sessuologo...

Sessuologo però è un termine in realtà troppo generico, a seconda delle problematiche è più opportuno rivolgersi ad uno specialista più mirato, come uno Psicologo, ad uno Psicoterapeuta o ad un Endocrinologo.

Sessuologo: Psicologo, Psicoterapeuta, Endocrinologo


La salute sessuale e riproduttiva è al centro della vita degli individui e del loro benessere. La salute sessuale è definita come benessere fisico, emotivo, mentale, sociale, legato alla sessualità. La sessualità è un bisogno intrinseco che ci accompagna per tutta la vita, ciò implica che le donne e gli uomini devono essere in grado di poter sperimentare esperienze sessuali piacevoli e sicure, libere da coercizioni, discriminazioni e violenza e condurre una vita sessuale soddisfacente. La sessualità può essere influenzata da molteplici fattori come stress, ansia, stanchezza, cambiamenti di umore, uso di droghe o alcool, esperienze sessuali traumatiche, disturbi dell’immagine corporea e patologie organiche.

Il sessuologo è uno Psicologo, uno Psicoterapeuta oppure un Medico, abilitato all'esercizio professionale, che ha completato un corso di formazione biennale (Consulente in Sessuologia) o quadriennale (Sessuologo Clinico) in Sessuologia Clinica.

A seconda del percorso formativo di provenienza, l'esperto mantiene alcune prerogative professionali: il Medico-sessuologo, ad esempio, può prescrivere farmaci, mentre lo Psicologo-sessuologo è in grado di procedere in tutti gli ambiti di intervento propri dello Psicologo. Tra i diversi professionisti nel campo medico, il sessuologo è una figura assolutamente in via di definizione, infatti non è legalmente riconosciuto attraverso un Albo Professionale e questo perché la sessuologia è un campo di ricerca piuttosto giovane. E importante perciò, a seguito di queste premesse, affidarsi a delle persone competenti che hanno completato il percorso formativo e che conoscono bene la sessualità umana e si confrontano con quest'ultima negli standard di cura quotidiani.

  • PSICOTERAPEUTA: è un professionista della salute mentale, che si occupa di diagnosi e cura della sofferenza psicologica, di tutti i disturbi o sintomi di origine mentale che danneggiano profondamente il benessere di una persona o ne penalizzano il funzionamento in importanti settori della vita (per esempio, la capacità lavorativa, la capacità di instaurare o di mantenere legami affettivi, l'autonomia)
  • PSICOLOGO: attraverso specifiche tecniche di comunicazione interpersonale, accompagna la persona o il gruppo in un percorso di consapevolezza e mobilitazione delle proprie risorse interne, potenziamento della propria capacità decisionale, apprendimento di strategie efficaci per affrontare e superare le difficoltà.
  • SESSUOLOGO: ha la preparazione professionale necessaria per guidare la persona alla risoluzione del disturbo sessuale di origine psicologica e al raggiungimento di una condizione di benessere personale e di coppia, attraverso un percorso di costruzione di una relazione positiva con il proprio corpo e con quello del partner e di consapevolezza del proprio funzionamento sessuale.

Requisiti, differenze ed ambito

La sessuologia è una scienza interdisciplinare che va a toccare diverse materie, studia i comportamenti sessuali e le loro funzioni in relazioni agli aspetti riproduttivi e comunicativi. Ancora oggi, nonostante le apparenze, i disagi sessuali sono tanti ed il sessuologo è una figura che si occupa di questi e delle difficoltà sessuali che possono accompagnare l'individuo sin dai primi momenti dello sviluppo sessuale, ma che possono anche presentarsi durante una relazione di coppia oppure all'inizio stesso del rapporto. Di fronte ai problemi portati dalla coppia e dal singolo, il sessuologo non dà soluzioni pronte all'uso, ma apre a nuove prospettive, riuscendo così a far uscire il paziente dallo schema che si è costruito. Compito del sessuologo è quello di aiutare la persona, singolo o coppia, ad abbandonare i sentimenti di inadeguatezza indotti dalla società e dai luoghi comuni, ed cominciare ad abbandonare gli stereotipi e affrontare un tema tabù come la sessualità in modo sereno. Deve facilitare lo sviluppo dell'erotismo per aumentare la focalizzazione sugli aspetti emozionali e qualitativi della sessualità rispetto unicamente a quelli della performance. Il tutto al fine di permettere alla persona di farsi sentire a suo agio nella propria sessualità, di accettarla come parte naturale della propria vita. Il sessuologo si può dire che mette le basi, affinché venga migliorata la vita sessuale di coppia e del singolo.

Percorsi formativi... Utilità del Sessuologo e come sceglierlo

Il sessuologo si occupa di vari disagi, i più frequenti sono:

  • i disturbi del desiderio maschile e femminile (desiderio basso o assente con un particolare partner o in periodi specifici);
  • disturbi dell'eccitazione maschile e femminile;
  • disfunzione erettile;
  • eiaculazione precoce o ritardata;
  • Anorgasmia maschile o femminile (si tratta di un’incapacità e/o grande difficoltà a provare l'esperienza dell'orgasmo nelle varie situazioni sessuali, può essere sempre stata presente o manifestarsi con un particolare partner o ancora in un periodo particolare della vita);
  • Vaginismo (impossibilità totale o parziale di penetrazione a causa di un irrigidimento involontario della muscolatura genitale);
  • la sessualità nelle prime fasi della cosiddetta terza età;
  • la porno-dipendenza e la dipendenza da sesso.
La sua professionalità può essere spesa in diversi ambiti: per risolvere disagi dell'individuo o della coppia, di gruppo, o per intervenire in ambito scolastico e formativo (interventi di ascolto, informazione ed educazione sessuale ai ragazzi), riabilitativo (interventi di ascolto, sostegno... per esempio dopo interventi chirurgici ai genitali o all'apparato riproduttivo) ed in ambito forense per perizie su richieste di Giudici o Avvocati.

Disturbi e Patologie comuni (sdrammatizzando e discernendo le vere Patologie da altri disturbi più “lievi”)

Un disagio sessuale può colpire chiunque in una delle fasi della vita di ciascun individuo... vergognarsene è controproducente, meglio farsi aiutare da un vero professionista... così da evitare che questo non diventi un vero e proprio disturbo! È opportuno rivolgersi al sessuologo ogni qualvolta verifichiamo una condizione di disagio o di malessere associate all'attività sessuale, o soffriamo di un sintomo che impedisce, rende spiacevole o dolorosa, l'esperienza erotica. Parlare di un aspetto delicato ed intimo come la vita sessuale, certamente non è semplice, sopratutto con un amico, con il partner o con un familiare... per questo provare a parlare con un esperto in materia è la soluzione ideale.

Risoluzione (nella maggior parte dei casi, parlandone!)

Affidarsi ad un professionista è fondamentale... il Sessuologo orienta chi si presenta con un disorientamento o un'ansia chiarendo il disagio al paziente, e facilita quest'ultimo a trovare la soluzione. Fondamentale nella terapia è l'ascolto, sempre sprovvisto di giudizio, ma comunque attivo e volto ad aiutarlo a metter in atto e ad iniziare il cambiamento. Il sessuologo deve poi informare, cioè deve rimediare o integrare ad una mancata conoscenza dell'anatomia sessuale e inoltre aiutare, a seconda del paziente, ad uscire dagli stereotipi e dai pregiudizi che si possono creare nella nostra società. Il sessuologo nell'indicare il trattamento più mirato alla soluzione, può avvalersi e collaborare con diversi esperti (Ginecologo, Andrologo, Psichiatra) e indicare la struttura più specializzata; nell'intero percorso insieme, il sessuologo da un sostegno emotivo al paziente, rieducandolo per introdurre informazioni “giuste”, andando a sostituire quelle “sbagliate”.

...intraprendere il percorso (da soli o in coppia... Concetto di terapia!)

Di fronte ad un disagio sessuale, la prima cosa che fa il sessuologo è indagare sull'area biologica, per verificare se escludere o meno dalle cause quella fisiologica. La terapia delle problematiche sessuologiche si basa principalmente sull'assegnazione di compiti o mansioni che la coppia, o il singolo, esegue a casa, con la successiva discussione in seduta dei risultati raggiunti o delle problematiche emerse. L'aspetto forse più importante della terapia sessuologica è la relativa brevità dei trattamenti, spesso sono sufficienti una quindicina di sedute per risolvere il problema. Il sessuologo ha la preparazione professionale necessaria per guidare la persona alla risoluzione del disturbo sessuale di origine psicologica ed al raggiungimento di una condizione di benessere personale e di coppia. Tutto questo attraverso un percorso che porta ed ha come obiettivo la costruzione di una relazione positiva con il proprio corpo e con quello del partner, ad una consapevolezza del proprio funzionamento sessuale, ad una riduzione della conflittualità di coppia, risoluzioni di conflitti e paure o allo sblocco delle inibizioni ed al contenimento dell'ansia.


...Storia (per i più curiosi)

La sessuologia come disciplina nasce dopo gli studi di Freud sulla sessualità, prendendo forma con le teorie di Masters e Johnson e la creazione di protocolli terapeutici specifici. Oggi il sessuologo clinico si avvale di numerosi strumenti di lavoro e può integrare tecniche ed approcci legati a diversi ambiti della psicologia, come la bioenergetica o il modello cognitivo-comportamentale. E' dalle teorie di Freud sulla sessualità infantile che la medicina e la scienza hanno iniziato ad affrontare ed indagare il mondo della sessualità.

Il Rapporto Kinsey, pubblicato nel 1948, ha evidenziato come il comportamento sessuale sia molto variabile da un individuo all'altro, ed ha evidenziato come le disfunzioni sessuali ed alcuni tipi di parafilie (o perversioni sessuali) siano molto più diffuse di quanto non si pensasse un tempo. Nel 1966, una coppia di Medici, Masters e Johnson, realizza una approfondita ricerca sulla sessualità moderna, portando una ricchezza di nuove informazioni sulla fisiologia sessuale e sulle possibili cause legate all'insorgenza dei disturbi della sessualità. Le ricerche di Masters e Johnson hanno offerto inoltre, per la prima volta, una via d'uscita dalle problematiche sessuologiche. La coppia ha infatti creato i primi protocolli terapeutici (ancora oggi alla base dell'approccio sessuologico clinico) “SPECIFICI” per le varie patologie legate alla sessualità.

Negli anni '70, la sessuologia è diventata una disciplina separata, che si occupa di sessualità in tutte le sue forme; in tutti gli “Stati” del Mondo, il ruolo del sessuologo è riconosciuto come un supporto utile e decisivo nel superamento delle problematiche sessuali, anche se purtroppo in molti luoghi, ancora oggi, non ha un “reale” Albo Professionale.